Che fare quando il marito cominciò a bere ogni giorno

Boomdabash - Per Un Milione

Beve lurina del marito

Il risultato di queste considerazioni equivale ad una scossa elettrica e ad una conseguente ricerca che fare quando il marito cominciò a bere ogni giorno fuga. In superficie si guarda con apprensione al tempo che verrà, svalorizzando quello che è già passato; in profondità si cerca semplicemente di aver la possibilità di cambiare le carte e poter iniziare una nuova partita.

Salve, anche la mia storia è simile alle altre, ma con qualche differenza sostanziale. Mio marito circa due anni fa ha avuto un arresto cardiaco ed è vivo grazie al tempestivo arrivo del con defibrillatore.

Da allora mi marito non è più lo stesso uomo, il nostro matrimonio ha cominciato a vacillare fino al punto che è andato via in una nostra casa che avevamo che fare quando il marito cominciò a bere ogni giorno ed utilizzavamo nei fine settimana. Io lo sto assecondando, rispettando per il momento il suo desiderio di starsene da solo, ma vivo male perché anche se quando ci incontriamo sembriamo due fidanzati, lo vedo solo quando dobbiamo discutere di cose di famiglia, senza un programma lui odia pianificare.

Cerco consiglio. Qui, a differenza di Monica, è lui che deve fare un percorso per riconciliarsi con la vita senza vivere, come sta facendo, in preda alla paura della morte.

Deve spargere amore e gratitudine intorno, non acredine e paura!!!! Ti abbraccio forte. Torno a due anni fa quando fui costretta per un lungo periodo a letto, lui invece di supportarmi si arrabbiava e stava molto fuori casa. Allora persi la pazienza e gli rimproverai tutto, gli feci capire che lo vedevo spiare mia cugina che fare quando il marito cominciò a bere ogni giorno mi abita a fianco e lui nonostante tutto ha continuato a negare ma cercandola sempre con lo sguardo, addirittura sapeva che la mattina presto andava a messa e si alzava fingendo di vestirsi fino a quando non era passata… Casini continui da parte mia, smette ma, ricomincia con la giovane ragazza che abita di fronte, lei bellissima giovane e divorziata, un giorno torno a casa e lo trovo a guardarla dalla finestra masturbandosi.

Passava sempre dal bar dove lavorava e anche se con me si rompeva il collo per girarsi sperando di vederla. Litighiamo sempre, gli ho detto più volte di andar via ma nega, nega e non vuole andare via, se insisto diventa violento dicendo che voglio distruggere 30 anni di matrimonio.

Se pensa che non lo vedo sta alla finestra sperando che esca di casa. In questi anni mi ha sempre costretta a vedere i porno con lui pretendendo che gli facessi le cose che facevano le attrici. A letto ha sempre fatto nomi di tante ma mai il mio, non mi ha mai detto ti amo, non mi ha mai baciata, se non negli ultimi due anni, non mi ha mai accarezzata se non per farmi capire che voleva sesso.

Non lavora da anni e quando lavorava tornava a casa sempre arrabbiato, quando prima di ammalarmi lavoravo io, diceva che mi mantiene il lusso di lavorare, ignorando i sacrifici che facevo per gestire lavoro, casa figli e soprattutto lui che mi voleva sempre accanto per ogni cosa e in ogni momento, se poi non riuscivo in qualcosa erano che fare quando il marito cominciò a bere ogni giorno e insulti tipo, non sei buona a niente.

Dalla lettere potrà pensare che sono un cesso ma, sono una bella donna che è sempre stata corteggiata, ovunque andiamo, anche se abbiamo un anno e mezzo di differenza, ci chiedono se siamo padre e figlia.

Tre figli da crescere mi hanno portata a non lasciarlo ora che sono grandi potrei ma ci sono i miei genitori molto malati che mi abitano a fianco e non posso andare via, lui non se ne va.

Sa che mi sta perdendo, lo sa, ma non smette. Cosa aspetti a che fare quando il marito cominciò a bere ogni giorno una decisione? Rifletti sugli alibi che ti crei: i figli, i genitori…. Ti abbraccio. La ringrazio per la risposta, mi è stata molto di aiuto. Buon giornosono una straniera percio non scrivo bene in italiano che fare quando il marito cominciò a bere ogni giorno vorrei un consiglio anche perché non ho nessuno con chi parlare.

Sono sposata da 26 anni, ho 46 anni e che fare quando il marito cominciò a bere ogni giorno marito Abbiamo un figlio che al momento si trova in America per lavoro. Circa da 2 mesi sono cominciati problemi con mio marito, ha iniziato uscjre tutte le sere e non voleva mai portarmi con lui.

Anche se prima mesi fa si usciva regolarmente e anche abbastanza spesso. A primavera si è comprato anche una macchina grossa, lussuosa. Sta proprio cambiando stile di vita, di comportamento. Circa un mese fa mi ha chiesto che vuole essere libero, che non gli piace piu vita da sposato, che mi vuole bene ma.

Lui ha detto che non vorrebbe arrivare alla separazione, che sono sempre mamma del suo figlio…. Questo era un mese fa. Invece ora vuole proprio la separazione perché non vuole più stare con me, non prova affetto ne amore ma che mi vuole bene come a sua sorella. Poi parlando mi ha detto che è già un anno che ci pensa.

Ma io non so, come puo dopo 25 anni di matrimonio, senza grossi problemi, vita tranquilla annulare tutto in cosi breve tempo. Senza avermi parlato magari un anno fa. Devo accettare e basta? Non cercarlo, non otterresti nulla, pensa a te, a le tue figlie che devono avere dal padre tutto il dovuto, per lo meno dal punto di vista economico.

Succede anche se sembra sempre impossibile che possa accadere a noi. Metti spazio tra te e lui, se ti sente lontana si interrogherà profondamente su quello che sta perdendo. Cara Carol, sembra proprio una crisi di mezza etànon supplicarlo!!! Non cercare di convincerlo!!! Più lo fai e più lui si allontana. Lascialo andare. Se si renderà conto che ha sbagliato tornerà più motivato di prima e se non lo farà farai bene a prendere in mano la tua vita e imparare ad essere felice senza di lui.

Scrivi ancora se vuoi. Lui che non è sincero e che non si assume le sue responsabilità, neppure dire la verità. Non capisci se non è sicuro di lasciarti o se tiene il piede in due staffe. Tu che ti senti vuota dentro, che hai paura di affrontare il futuro.

Non riesco a togliermelo dalla mente e accetterei anche di essere tradita ma non voglio dividerlo con nessuno. Vorrei ci ripensasse e passo dai momenti di rabbia durante i quali lo aggredisco ai momenti in cui vorrei essere distaccata da lui ma non riesco. Cerco di stare lontana da lui perchè che fare quando il marito cominciò a bere ogni giorno convivere insieme, lo guardo e muoio dentro. Che delusione…anzi di più!

Cara Monica, tu hai bisogno di fare un percorso personale, e serio. Se il tuo ex era il tuo unico motivo di vita il problema è tuo! Secondo me lui è stato sincero,ma tu non lo hai neanche sentito. Non vuoi dividerlo con nessuno? Ma che è una torta? Un conto corrente? Lui non è un oggetto,ma forse si sente tale con te, si capisce dalle tue parole che vorresti lasciarlo, ma non ce la fai, ma allora non sei interessata a lui, ti serve da antidolorifico!!!!

Cercati una brava terapeuta e fai un percorso che ti aiuti ad essere felice PER TE e che ti faccia trovare il coraggio di costruire te stessa. Se trovi te forse trovi anche lui, ma in ogni caso avrai salvato la tua vita. Buona sera, grazie della risposta, mi ha fatto molto piacere poter parlare con qualcuno.

Le cosa ora sono cambiate ancora, non vuole separarsi più. Continua uscire con i suoi amici, quasi tutte le sere, torna verso le 00;00, so che guardano partite, poi mangiano insieme e poi rientra.

Io non gli chiedo più nulla. Solo che quando sta a casa, non trova più mangiare pronto, allora a volte sta senza mangiare perché non sa cucinare. Lo lascio stare tranquillo, non gli chiedo dove va e quando torna e vediamo a cosa porta questa situazione. È vero che in passato non usciva mai con amici, pochissime volte, tipo una volta al mese o anche meno. Forse gli manca quello.

Non so, prima stava bene a casa, non cercava mai amici, ora invece gli mancano. Lo lascio stare per un po da solo con suoi amici e con se stesso e poi si vedrà. Sono due anni che non riesco più ad avere un rapporto sereno con mio marito. Da quando si è immesso in una nuova attività notturnaha sconvolto la nostra felicità di famiglia. Durante il giorno ci occupiamo insieme di una azienda che abbiamo creato insiemeinvece la sera si occupa di questo locale notturno.

Praticamente non riesce ad avere più un ritaglio con la sua famiglia. In questo anno tra litigi vari è andato via di casa ben 2 volte … è ritornato perché voleva riprovarci. In tutta questa storia ho cercato in questi anni di mettermi sempre a nudodi migliorare stargli accantoessere più amorevolema tutto questo non ha portato a nulla. Se non ho preso mai una posizione è per il fatto che mi ha mostrato sempre un punto di incontro con il contatto fisico.

Se non faccio il passo di mandarlo vialo faccio soltanto per questa gioia di figli che non meritano le nostre incomprensioni. Cara Anna, questa mi sembra molto più una crisi di coppia che una crisi di mezza età e credo che tu ne ignori completamente le cause.

Lui dice che sei una donna pericolosa, è una parola forte e particolare, perchè lui si sente in pericolo con te?

Cosa fai che non lo fa sentire bene? Forse quello che fate insieme non gli piace più e vorrebbe cambiare, quindi ti vede come una catena che lo blocca?

Una cosa è certa: quella gioia di figli hanno il diritto di vivere in un ambiente serenoquindi sbrigatevi ad affrontare che fare quando il marito cominciò a bere ogni giorno problema, da soli o con un consulente che vi aiuti, in modo da ripristinare la gioia per tutti. Ho 53 anni, mio marito Siamo sposati da 27 anni, due figli bravissimi, ormai adulti. Una bella coppia, invidiata, perfetta. Benestanti,educati, colti. Sembrava non accorgersi del cambiamentose richiamato negava.

Non vede più il suo futuro, come me si annoia, ha bisogno di più tempo per se. E io gli credo. E io ho paura. Ho sbagliato?

Dovrei aver più pazienza? Come capisco se è la crisi di mezza metà o se semplicemente, tristementenon mi ama più?