Come lasciare la dipendenza alcolica della casa

Dipendenza da alcool - Dott. Cosimo Colletta

Allen di libro una penalità siccome è facile da smettere di bere

Gli oppiacei sono euforizzanti che, in dosi elevate, causano sedazione e depressione respiratoria. L'astinenza si manifesta inizialmente con ansia e intenso desiderio della sostanza, seguiti da un aumento della frequenza come lasciare la dipendenza alcolica della casa, sudorazione, sbadigli, lacrimazione, rinorrea, midriasi e crampi allo stomaco e poi da piloerezione, tremori, contrazioni muscolari, tachicardia, ipertensione, febbre, brividi, anoressia, nausea, vomito e diarrea.

La diagnosi è clinica oltre che con le analisi sulle urine. Gli oppiacei, che sono potenti analgesici con un ruolo limitato nella gestione di tosse e diarrea, sono anche comuni sostanze d'abuso a causa dell'ampia disponibilità e delle proprietà euforizzanti; vedi anche Antidolorifici oppiacei e Disturbo e riabilitazione da uso di oppiacei.

Ci sono 3 principali recettori per gli oppiacei: delta, kappa e mu. Essi sono diffusi in tutto il sistema nervoso centrale, ma in particolare in aree e tratti associati alla percezione del dolore.

Recettori si trovano anche in alcuni nervi sensitivi, sui mastociti, e in alcune cellule del tratto gastrointestinale.

I recettori per gli oppiacei sono stimolati dalle endorfine endogene, che generalmente producono analgesia e un senso di benessere.

Gli oppiacei sono usati sul piano terapeutico, principalmente come analgesici. Gli oppiacei si diversificano nell'attività recettoriale e alcuni p. Sono disponibili composti con attività di antagonisti puri p. Gli oppiacei esogeni possono essere assunti attraverso quasi tutte le vie: PO, EV, SC e via rettale, attraverso le mucose nasali, o inalati come fumo. L'effetto massimo si raggiunge dopo circa 10 min dall'iniezione EV, dopo min dall'inalazione nasale, e dopo min dall'assunzione orale, sebbene il picco e la durata degli effetti varino notevolmente a seconda della specifica sostanza.

La tolleranza si sviluppa rapidamente con la necessità di aumentare la dose. La tolleranza ai vari effetti degli oppiacei spesso si sviluppa come lasciare la dipendenza alcolica della casa modo irregolare.

Gli eroinomani, per esempio, possono diventare relativamente tolleranti agli effetti euforizzanti e di depressione respiratoria della droga, ma continuare ad avere miosi pupillare e stipsi. La gravità della sindrome peggiora con l'aumentare della dose di oppiacei e della durata della dipendenza. Gli effetti a lungo termine degli oppiacei sono minimi; anche come lasciare la dipendenza alcolica della casa per decenni del metadone sembra essere ben tollerato fisiologicamente, sebbene alcuni consumatori di oppiacei di lunga data sperimentino stipsi cronica, eccessiva sudorazione, edema periferico, sonnolenza e diminuzione della libido.

Tuttavia, molti tossicodipendenti di lunga data che si iniettano oppiacei hanno effetti avversi da contaminanti p. L'intossicazione acuta da oppiacei è caratterizzata da euforia e sonnolenza. Gli effetti sui mastociti p. Gli effetti gastrointestinali comprendono nausea, vomito, riduzione della peristalsi e stipsi.

Altre complicanze p. Le pupille sono miotiche. Possono anche verificarsi delirium, ipotensione, bradicardia, come lasciare la dipendenza alcolica della casa della temperatura corporea e ritenzione urinaria. La sindrome serotoninergica si verifica occasionalmente quando fentanile, meperidina, tramadolo, metadone, codeina, o ossicodone sono assunti in concomitanza con altri farmaci che hanno effetti serotoninergici p.

La sindrome serotoninergica comporta uno o più dei seguenti sintomi:. La sindrome da astinenza da oppiacei in genere comprende sintomi e segni di iperattività del sistema nervoso centrale.

L'inizio e la durata della sindrome dipendono dalla sostanza specifica e dalla sua emivita. I sintomi possono comparire già 4 h dopo l'ultima dose di eroina, hanno un picco entro h, e regrediscono dopo circa 1 settimana.

Successivamente possono svilupparsi piloerezione pelle d'ocatremori, contrazioni muscolari, tachicardia, ipertensione, febbre e brividi, anoressia, nausea, vomito e diarrea.

L'astinenza da oppiacei non causa febbre, convulsioni o alterazione dello stato mentale. Nonostante dal punto di vista sintomatico possa essere drammatica, l'astinenza da oppiacei non è fatale. Anche dopo che la sindrome da astinenza si risolve, letargia, malessere, ansia e disturbi del sonno possono persistere fino a diversi mesi. La diagnosi di uso di oppiacei viene fatta in genere clinicamente e, talvolta, con il test tossicologico delle urine; si effettuano test di laboratorio secondo necessità per identificare le complicanze dovute alla droga.

I livelli del farmaco non sono misurati. Per l'astinenza da oppiacei, talvolta terapia farmacologica p. Il trattamento per mantenere la pervietà delle vie aeree e il supporto respiratorio è la prima priorità. Il naloxone inverte rapidamente gli stati di incoscienza e di apnea causati da un oppiaceo nella maggior parte dei pazienti. Quasi tutti i pazienti rispondono a tre dosi da 0,4 mg lo spray nasale è un inalatore a singola dose di 4 mg. Poiché alcuni pazienti diventano agitati, deliranti e aggressivi quando riprendono coscienza e poiché il naloxone scatena uno stato di astinenza acuta, una leggera contenzione fisica deve essere applicata prima della somministrazione del naloxone.

Per alleviare l'astinenza nei tossicodipendenti di vecchia data, alcuni esperti suggeriscono la titolazione di dosi molto piccole di naloxone 0,1 mg quando la situazione clinica non come lasciare la dipendenza alcolica della casa un trattamento di emergenza.

In alcune parti degli Stati Uniti e in alcuni paesi il naloxone è disponibile senza prescrizione in modo che i pazienti apneici possano essere salvati da amici o familiari.

Quando il naloxone è disponibile ed è somministrato velocemente, l'intubazione endotracheale è raramente necessaria. I pazienti devono essere posti sotto osservazione per diverse ore dopo che avranno ripreso una respirazione spontanea. Quindi, la durata dell'osservazione deve variare a seconda dell'emivita dell'oppioide coinvolto.

Generalmente, i pazienti che hanno assunto oppioidi a lunga azione devono essere ricoverati per essere messi sotto osservazione; i pazienti come lasciare la dipendenza alcolica della casa hanno assunto oppioidi a breve azione possono essere dimessi dopo alcune ore.

Se si ripresenta la depressione respiratoria, il naloxone deve come lasciare la dipendenza alcolica della casa somministrato nuovamente a una dose adeguata. Il regime di dosaggio migliore non è chiaro.

Alcuni medici ripetono il bolo alla stessa dose in cui era stato efficace inizialmente. Entrambi i regimi richiedono uno stretto monitoraggio, generalmente in terapia intensiva. I pazienti devono essere osservati fino a quando non è più presente nessuna attività farmacologica del naloxone e non ci sono più sintomi legati agli oppiacei.

L'emivita del naloxone è di circa 1 h, quindi un periodo di osservazione di h dopo il suo impiego deve chiarire l'andamento evolutivo. L'emivita dell'eroina EV è relativamente breve, e la depressione respiratoria ricorrente dopo il trattamento risolutivo con naloxone è rara.

L' edema polmonare acuto è trattato con O2 supplementare e spesso modalità di supporto respiratorio non invasive o invasive p. Assistenza a lungo termine e, eventualmente, naltrexone. La sindrome da astinenza da oppiacei è autolimitantesi e, sebbene molto drammatica, non è pericolosa per la vita.

Per un periodo fino a 6 mesi possono persistere effetti minori, fisici e metabolici, dell'astinenza. La sospensione è in genere gestita in regime ambulatoriale, a meno che i pazienti non richiedano l'ospedalizzazione per concomitanti disturbi di come lasciare la dipendenza alcolica della casa medico o psichico.

La terapia sostitutiva con metadone è il metodo preferito per gestire la sospensione degli oppiacei nei pazienti più gravemente dipendenti come lasciare la dipendenza alcolica della casa, a dosi appropriate, ha una lunga emivita e proprietà sedative ed euforizzanti meno marcate. Il metadone viene somministrato PO nella quantità minima sufficiente a prevenire i sintomi gravi di astinenza, ma non necessariamente tutti i sintomi.

Scale sintomatologiche sono disponibili per stimare la dose appropriata. Dosi maggiori vanno somministrate soltanto quando si osservano segni di astinenza. Durante la graduale riduzione della sostanza, i pazienti spesso diventano ansiosi e richiedono maggiori quantità della sostanza. Come lasciare la dipendenza alcolica della casa metadone è stato segnalato per essere associato con il prolungamento del QTc e a gravi aritmie, tra cui le torsioni di punta Sindrome del QT lungo e tachicardia ventricolare tipo torsione di punta.

Quindi, deve essere usato con molta attenzione con valutazione appropriata del paziente, monitoraggio durante l'inizio e la titolazione della dose. Anche la buprenorfina, un agonista oppiaceo parziale, in genere somministrato per via sublinguale, è stato usato con successo nella sospensione.

Alla buprenorfina si aggiunge il naloxone per ridurne il potenziale effetto da abuso. Se assunti per via sublinguale prevalgono gli effetti della buprenorfina agonista degli oppiaceiriducendo i sintomi di astinenza. Se schiacciati e iniettati, predominano gli effetti del naloxoneaumentando i sintomi di astinenza. La prima dose viene somministrata per via sublinguale quando compaiono i primi segni di astinenza.

La buprenorfina viene poi ridotta per diverse settimane. I protocolli per l'uso della buprenorfina per la disintossicazione o la terapia di mantenimento sono disponibili per il download dal sito web dell'US Department of Health and Human Services. La clonidinaun farmaco adrenergico ad azione centrale, è in grado di sopprimere la sintomatologia autonomica da astinenza da oppiacei.

Protocolli rapidi e ultrarapidi sono come lasciare la dipendenza alcolica della casa valutati per la gestione della sospensione e della disintossicazione. Nei protocolli rapidi, combinazioni di naloxonenalmefene e naltrexone sono utilizzati per indurre la sospensione, e clonidina e vari farmaci adiuvanti sono utilizzati per sopprimere i sintomi di astinenza. Alcuni protocolli rapidi utilizzano la buprenorfina per sopprimere i sintomi di astinenza da oppiacei.

I protocolli ultrarapidi possono utilizzare boli di naloxone e diuretici in grandi quantità per aumentare l'escrezione degli oppiacei mentre i pazienti sono sotto anestesia generale; questi protocolli ultrarapidi non sono raccomandati perché hanno un alto rischio di complicanze e nessun sostanziale beneficio aggiuntivo.

Come lasciare la dipendenza alcolica della casa medici devono capire che la disintossicazione non è un trattamento di per sé. Il Manuale è stato pubblicato per la prima volta nel come un servizio alla società.

Maggiori informazioni sul nostro impegno per Il sapere medico nel mondo. Argomenti di medicina. Argomenti comuni in materia di salute. Argomenti speciali Disturbi dei denti Disturbi del tessuto muscoloscheletrico e connettivo Disturbi dell'apparato cardiovascolare Disturbi dermatologici Disturbi di orecchio, naso e gola Disturbi gastrointestinali Disturbi genitourinari Disturbi nutrizionali Disturbi oculari Disturbi psichiatrici Ematologia e oncologia Farmacologia clinica Geriatria Ginecologia e ostetricia Immunologia; malattie allergiche Malattie del fegato e delle vie biliari Malattie endocrine e metaboliche Malattie infettive Malattie neurologiche Malattie polmonari Come lasciare la dipendenza alcolica della casa di terapia intensiva Pediatria Traumi; avvelenamento.

Video Cifre Immagini Quiz. Argomenti di medicina e Capitoli. Effetti cronici Gravidanza. Effetti acuti Tossicità o overdose Astinenza. Tossicità o overdose Sospensione e disintossicazione. Maggiori informazioni. Metti alla prova la tua conoscenza.

Aggiungi a qualsiasi piattaforma. Caricamento in corso. Astinenza e tossicità da oppiacei Di Gerald F. Effetti acuti L'intossicazione acuta da oppiacei è caratterizzata da euforia e sonnolenza. Determinato clinicamente. Terapia di supporto. Naloxone da 0,4 mg a 2 mg EV. Nessun trattamento.