Trattamento obbligatorio di alcolismo allestero

Alcol tra giovanissimi, lo sballo e le sue conseguenze - Generazioni del 11/11/2015

Come smettere di bere risposte di birra

Le tossicomanie, alcolismo compreso, possono a volte alterare il comportamento e il giudizio in maniera talmente grave da impedire persino al paziente di rendersi conto di quanto abbia bisogno di aiuto.

In questi casi appare logico chiedersi se sia possibile costringere queste persone a curarsi o, almeno, se sia possibile metterle in condizione di non nuocere.

La legge non definisce tra i trattamenti sanitari obbligatori quello inerente il programma terapeutico e socio-riabilitativo per i tossicodipendenti. Tale trattamento viene proposto da un medico ma deve essere disposto dal sindaco solo dopo la convalida da parte di un Servizio Psichiatrico Pubblico.

La legge prevede che non possa durare più di sette giorni. Al di fuori di trattamento obbligatorio di alcolismo allestero caso, non è possibile costringere persone maggiorenni a seguire una terapia contro la propria volontà.

Chi ha a che fare con tossicodipendenti deve sapere che in base agli articoli 88, 89 e 95 del Codice Penale lo stato di intossicazione cronica da alcol o stupefacenti è riconosciuta possibile causa di vizio totale o parziale di mente. In questo caso accompagnarlo in una struttura sanitaria ospedale, SerT facendo presente la propria decisione di non riaccoglierlo in casa propria. Un provvedimento possibile qualora il comportamento della persona tossicomane comprometta gravemente la sua situazione economica o quella della trattamento obbligatorio di alcolismo allestero è la richiesta di inabilitazione.

Gli atti che venissero compiuti senza seguire queste procedure sarebbero nulli.