Su prevenzione di alcolismo e tabacco che fuma tra scolari

Gli EFFETTI dell'ALCOL sul CERVELLO

Come vivere con bere il marito

Gli scolari dagli 11 ai 15 anni consumano meno alcol e fumano meno rispetto al Lo rivela uno studio dell'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie. I tassi attuali relativi al consumo di canapa sono tornati più o meno ai livelli del La tendenza che era in costante crescita da una ventina d'anni si è quindi arrestata. Tra i ragazzi, la birra resta la bevanda più consumata, mentre tra le ragazze vanno forte anche gli alcopop.

Il consumo di questi alcolici, dopo aver riscontrato un aumento massiccio nelè comunque nettamente diminuito nel corso degli ultimi quattro anni.

Un calo dovuto soprattutto all'introduzione di una tassa speciale che ne ha fatto sensibilemente aumentare il prezzo. Malgrado una tendenza al ribasso, i quindicenni che fumano tutti i giorni sono ancora circa 10' Dopo l'apice raggiunto neli tassi relativi su prevenzione di alcolismo e tabacco che fuma tra scolari consumo di canapa sono pure tornati più o meno ai livelli del La diminuzione del consumo è dovuta a diversi motivi, spiega il responsabile dell'indagine, Holger Schmid.

Lo stesso sembra valere anche per le scuole, che prevedono sempre più spesso regole e misure disciplinari in tale ambito. Malgrado i risultati positivi, nel campo della prevenzione c'è ancora parecchio da fare e anche a livello politico c'è senz'altro margine di miglioramento: "Aumentare i prezzi delle sigarette e delle bevande alcoliche, nonché limitare la disponibilità di tali prodotti si sono rivelate misure efficaci, che andrebbero rafforzate", affermano gli autori dello studio.

Gli esperti sono infatti unanimi nell'affermare che sono ancora troppi i giovani in Svizzera che bevono, fumano e fanno uso di canapa. Nel corso del l'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie ha interrogato scolare e scolari tra gli 11 e i 15 anni sul loro consumo di alcol, tabacco e droghe. Vi hanno partecipato adolescenti di classi di tutto il paese. Lo studio viene condotto ogni quattro anni su incarico dell'Ufficio federale della sanità pubblica e dei cantoni.

A livello internazionale la stessa inchiesta Health Behaviour in School-aged Children è effettuata in 41 Stati sotto l'egida dell'Organizzazione mondiale della salute OMS.

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo. In particolare, è concessa una licenza di base su prevenzione di alcolismo e tabacco che fuma tra scolari esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.

Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati. Questo contenuto è stato pubblicato il 20 febbraio In breve Nel corso del l'Istituto svizzero di prevenzione dell'alcolismo e altre tossicomanie ha interrogato scolare e scolari tra gli 11 e i 15 anni sul loro consumo di alcol, tabacco e droghe. Fine della finestrella. Neuer Inhalt Horizontal Line.

Contenuto esterno Sondaggio Elezioni federali Indirizzo e-mail. Utilizzare l'articolo I giovani fumano e bevono meno 20 febbraio - Gli scolari dagli 11 ai 15 anni consumano meno alcol e fumano meno rispetto al Su prevenzione di alcolismo e tabacco che fuma tra scolari ulteriormente la prevenzione Malgrado i risultati positivi, nel campo della prevenzione c'è ancora parecchio da fare e anche a livello politico c'è senz'altro margine di miglioramento: "Aumentare i prezzi delle sigarette e delle bevande alcoliche, nonché limitare la disponibilità di tali prodotti si sono rivelate misure efficaci, che andrebbero rafforzate", affermano gli autori dello studio.