Prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza

Mai più sole. Donne e Alcol.

Colm per cura di alcolismo senza la conoscenza del paziente

Collegamenti e interdipendenze tra stress da lavoro, consumo di alcool, sostanze stupefacenti e violenza. Numerose ricerche hanno evidenziato i collegamenti tra lo stress da lavoro, l'abuso di alcolici e di sostanze stupefacenti e psicotrope, tabacco e forme prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza violenza. Questi studi rilevano che lo stress al lavoro gioca un ruolo importante nello sviluppo di fattori negativi individuali e aziendali, costituendo un elemento comune di collegamento tra le condizioni lavorative, l'abuso di sostanze ed episodi di violenza.

Emerge una significativa correlazione tra la difficoltà a rilassarsi dopo il lavoro e lo sviluppo di emozioni negative quali paura, senso di frustrazione e di impotenza. Parole chiave: stress da lavoro, lavoro alienante, abuso di sostanze, violenza, emozioni negative, depressione. Links and correlations between stress from work, alcohol, drug abuse and violence.

Several recent studies have highlighted the links between work-related stress, violence at work, the abuse of drugs and prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza and tobacco consumption.

These studies tend to suggest that work related stress plays an important role in the development of negative individual and organizational prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza and forms a prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza element linking working conditions, substance abuse and violent acts.

There appears to be a significant correlation between difficulties in relaxing after work and negative emotions such as fear, prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza and failure.

Stressful work prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza contribute to the development of a desire among workers to reduce tension by drinking, using drugs and other harmful substances.

Alienating work has negative consequences for the development of a healthy human personality and can result in a range of problematic behaviours, which may include the destructive use of alcohol and other substances, as well as depression and a deterioration in normal affective life.

Keywords: work-related stress, alienating work, substance abuse, violence, negative emotions, depression. L'ambiente di lavoro e il tipo di attività lavorativa svolta incidono quotidianamente sul complesso di relazioni interpersonali e soggettive che si evolvono nel corso della vita di un individuo.

Mi riferisco sia all'elevato numero di lavoratori in catena di montaggio, ma anche a tutti coloro che hanno scarso potere di determinazione e di scelta circa l'ambiente di lavoro e le condizioni lavorative.

Ma il discorso vale anche per il professionista di alto livello, il quale, sottoposto a una forte concorrenza e competizione al pari degli altri suoi colleghi, deve essere costantemente pronto ed efficiente per rendere il massimo e mantenere incontrastata la sua fama e il suo prestigio personale.

Secondo ricerche un elevato numero di lavoratori soffre di forme di stress correlate all'ambiente lavorativo, a causa di prestazioni richieste sempre più velocemente e a scadenze sempre più ravvicinate. Tale situazione, sommata ai rapporti prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza a volte conflittuali che si instaurano sul posto di lavoro, frutto di una concorrenza tipica dell'economia di mercato, unita all'ambiente psicologico e alle scarse possibilità di interagire del singolo lavoratore sulla struttura aziendale in quanto tale, costituisce sicuramente una forma di stress, o tensione nervosa, che accompagna il lavoratore per ben oltre un terzo della sua vita attiva.

A volte, come recenti episodi di cronaca ci mostrano, lo stress rappresenta un antecedente al manifestarsi di forme di violenza che frequentemente causano vittime sia tra i lavoratori, sia tra gli estranei alla attività prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza. Partendo da queste premesse generali, il lavoro analizza il rapporto intercorrente tra lo stress causato dalla attività lavorativa o che si manifesta sul lavoro, e il contestuale uso di alcolici, droga e tabacco per fronteggiare tale situazione di disagio psico-ambientale.

Questo studio è il risultato del periodo di attività che ho effettuato presso l'Ufficio Internazionale del Lavoro di Ginevra e la letteratura utilizzata proviene da tutto il mondo, in modo particolare dagli Stati Uniti d'America [i]. Capitolo 1 Fattori di rischio e principali modelli. Il rapporto tra stress e comportamenti correlati è stato analizzato da vari ricercatori e le principali teorie che fondamentalmente possono riassumere gli studi finora svolti sono le seguenti.

Il primo modello figura prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza è basato sugli studi di Karasek e afferma che un'alta domanda psicologica congiunta con una bassa capacità decisionale produce tensione nervosa [ii]. Tale ipotesi presuppone che la tensione nervosa e i relativi problemi nervosi siano il risultato della interazione di due caratteristiche del lavoro: la prima rappresentata dalla quantità di prestazioni richieste e la seconda dai fattori ambientali moderatori dello stress, in particolar modo il margine di capacità decisionale di cui il lavoratore dispone a fronte della domanda richiesta.

Nello studio di Karasek il concetto di ambito di decisione è inquadrato in un'ottica bidimensionale consistente in due tipi di caratteristiche lavorative: task authority cioè il controllo sulla propria situazione lavorativa e la possibilità che il lavoratore ha di usare le proprie capacità e competenze nell'eseguire quanto richiestogli, skill discretion.

Numerosi studi utilizzano questo tipo di approccio per indagare le relazioni tra stress, alcool e uso di sostanze stupefacenti e spesso hanno rilevato un importante correlazione tra lo stress misurato con il modello di Karasek e l'uso di alcool durante l'orario lavorativo o dopo aver lavorato.

Bassa tensione. Coinvolgimento attivo. Apprendimento,motivazione a sviluppare nuove conoscenze. Scarso coinvolgimento. Alta tensione. Rischio di stress psicologico e fisico. La misura della tensione causata dal lavoro rappresenta un metodo valido per misurare e accertare le interrelazioni tra lo stress e l'uso di sostanze quali stupefacenti e droghe.

Numerose ricerche dimostrano che la tensione nervosa provocata dal lavoro costituisce un fattore importante nello studio della comprensione e prevenzione dell'uso di alcolici e la pressione sanguigna durante e dopo le ore di lavoro.

La pressione mentale delle prestazioni lavorative richieste comprende prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza carico di lavoro, la scarsità di tempo a disposizione, il livello della concentrazione richiesta e la frequenza delle interruzioni. La capacità di decisione copre due prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza discrezionalità nell'uso delle proprie abilità e il potere di decisione.

La discrezionalità nelle proprie capacità si riferisce alla possibilità di usare e prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza le proprie abilità personali e di essere creativi nel proprio lavoro. Il margine di decisione è relativo alle capacità individuali e alla possibilità data dallo svolgimento delle proprie funzioni lavorative di prendere una decisione.

Un altro modello e' rappresentato dallo spillover model o anche denominato coping modelsecondo il quale le persone possono reagire a condizioni ambientali stressanti adottando numerose strategie [v]. In numerosi studi relativi all'uso di alcolici durante e dopo l'attività lavorativa sono state trovate importanti correlazioni tra la difficoltà a rilassarsi una volta terminato il lavoro a causa dello stress da lavoro e emozioni negative quali, paura, senso di frustrazione, e incapacità a reagire [vi].

Secondo questa teoria spillover model nell'uso di sostanze alcoliche o psicotrope l'individuo cerca una via di fuga a una situazione di tensione psicosociale che origina nel lavoro ma non termina con la fine dell'attività lavorativa, continuando i suoi effetti nell'arco della intera giornata. Questo modello spiega la relazione esistente tra i fattori lavorativi che generano stress e l'abuso di alcol o di droghe per coloro che sono stressati da oggettive caratteristiche dell'ambiente di lavoro e credono che l'alcool o le droghe aiutino a prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza lo stress, e hanno pochi meccanismi alternativi capaci di attenuare questo tipo di sofferenza mentale per esempio: esercizio fisico, meditazionee non riescono a sopportare a lungo la tensione in altro modo.

Questo modello è illustrato in figura 2. Gli agenti stressanti del lavoro stressors condizioni di lavoro, mancanza di controllo sulla attività lavorativa, senso di frustrazione aumentano le emozioni negative distressle quali a loro volta generano abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti, problemi legati all'ipertensione e stress, specialmente tra soggetti vulnerabili che non possiedono sufficienti risorse per rispondere in modo adatto alle situazioni lavorative stressanti e alla sofferenza conseguente.

Figura n. Questo modello ha rilevanti applicazioni nello studio dei fattori correlati all'ambiente lavorativo. In alcune ricerche l'insoddisfazione del proprio lavoro e' stata ritenuta estremamente connessa con l'alcolismo e l'uso di sostanze stupefacenti quali mezzi per rispondere a questa sofferenza. Una diminuzione della soddisfazione, del piacere della propria attività, o una più elevata sofferenza dovuta al lavorosecondo i recenti studi, e' causa di un rapido aumento del consumo di alcool e stupefacenti o sostanze psicotrope per coloro che sono convinti dell'effetto tampone, di fuga coping mechanism di questi ultimi sulla loro sofferenza psichica [vii].

Esiste inoltre un ulteriore modello, moderation model [viii] il quale include variabili che moderano la relazione tra i fattori cagionanti lo stress al lavoro e l'uso di alcolici. Tali agenti interagiscono, nel loro dinamico sviluppo, con variabili altamente soggettive che possono proteggere il lavoratore dallo sviluppare problemi con l'alcol o lo possono indurre in una situazione di elevato rischio di contatto con le suddette sostanze.

Questa teoria cerca di spiegare quando e sotto quali condizioni i fattori di stress lavorativi sono in relazione con l'uso di alcool. La relazione tra stress e consumo di alcolici non e' supposta esistere tra tutti i lavoratori. Ricerche dimostrano che sia le forti richieste di prestazioni lavorative, sia la mancanza di un ruolo ben definito al posto di lavoro sono positivamente correlati con una forte tendenza a bere, solo tra i lavoratori che ritengono che la loro posizione lavorativa sia molto importante per la costruzione della propria identità personale.

Tra coloro che invece davano poco importanza al lavoro, i fattori stressanti dello stesso non erano correlati a un forte bisogno di bere. Un altro tipo di impostazione, il moderation mediation model perfeziona in un certo modo le premesse poste dal modello precedente introducendo una serie ulteriore di variabili, che si frappongono tra i fattori scatenanti lo stress e le determinazioni finali del singolo [ix] figura n.

In una recente versione di questo modello, le ipotesi formulate riguardano: 1 i fattori dello stress lavorativo sono in relazione positiva con l'insoddisfazione per il proprio lavoro e 2 tale insoddisfazione e' positivamente legata all'uso di alcol tra le persone psicologicamente più vulnerabili e 3 è più intensamente collegata con i problemi relativi all'alcolismo tra persone che manifestano un'incapacità di risolvere i problemi affrontandoli con meccanismi alternativi coping response.

Da ultimo è necessario accennare, seppur brevemente, a un altro tipo di approccio al problema, che ha per fondamento l'idea che il lavoro alienante abbia conseguenze negative per lo sviluppo della salute umana e della personalità alienation model [x]. Le conseguenze di questo tipo di attività lavorativa consistono in una serie di comportamenti che spesso sfociano nell'uso di bevande alcoliche o in fenomeni depressivi e alterno la normale vita sociale ed affettiva.

Il lavoro alienante consiste nell'essere coinvolto in processi di produzione in modo tale che il lavoratore non è in grado di lavorare in modo autonomo, consapevole e creativo è cioè incapace di lavorare in un modo tale che sia possibile il controllo sulle proprie attività e vengano sviluppate le conoscenze umane.

Questa situazione oggettiva ha risultati psicologici e comportamentali che sono osservabili e misurabili. I risultati delle ricerche dimostrano che di tutte le variabili riscontrabili nell'ambiente di lavoro, solamente l'indipendenza, l'autonomia lavorativa mostra una significativa associazione con i problemi legati al bere. La maggior parte degli effetti del lavoro alienante sui problemi relativi all'uso di sostanze alcoliche e' indiretto e richiede l'esistenza di certe tendenze psicologiche o orientamenti attitudinali.

Esistono pertanto collegamenti tra questo prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza e lo spillover model poiché i lavoratori impiegati in occupazioni alienanti riversano questa loro esperienza in una condizione di forte insoddisfazione nei confronti della loro situazione. Capitolo 2 Interdipendenze e loro possibile strutturazione.

La maggior parte dei modelli sopra citati ha dimostrato importanti dirette e indirette relazioni tra condizioni di lavoro stressanti e lo sviluppo di patologie e disturbi di salute quali ad esempio l'ipertensione [xi]. Spesso la ragione di questa mancata scoperta è da addebitarsi alla metodologia delle analisi o alle particolari caratteristiche del campione di soggetti prescelto.

Talvolta negli studi sono stati usati differenti indici di stress e pertanto una loro comparazione non sempre è possibile, come anche le variabili usate sono dipese notevolmente da situazione a situazione. Infatti la maggior parte degli studi erano studi di settore di tipo cross-sectional, e non longitudinali. Ma in questo lavoro con il termine stress si intende una sofferenza fisico-mentale non saltuaria, ma costantemente presente sul luogo di lavoro con effetti patologici a lungo termine sulla salute dell'individuo.

E' necessario inoltre considerare che l'uso di sostanze alcoliche e psicotrope dipende notevolmente dalla legislazione nazionale di settore, che in taluni casi proibisce l'uso di alcolici sul luogo di lavoro e di stupefacenti anche nella vita privata.

Non sempre gli studi analizzati effettuano una discriminazione tra gli usi di differenti sostanze. Inoltre nella maggior parte dei casi gli studi di settore sono stati condotti mediante questionari distribuiti all'interno della azienda, che, anche se in forma anonima, potrebbero aver dissuaso i dipendenti ad ammettere il loro effettivo consumo di alcol e di sostanze stupefacenti; in un'analisi di questo tipo è da considerare sempre che il singolo soggetto è portato a sottostimare il suo effettivo consumo di sostanze alcoliche o stupefacenti.

Nella maggior parte dei casi le ricerche effettuate sono state di tipo cross-sectional, nelle quali i fattori di stress da lavoro e il consumo di alcol e altre sostanze sono stati misurati nello stesso periodo di tempo.

Sebbene l'ipotesi da verificare in questo tipo di studi è che gli agenti stressanti stressors causano abuso di alcool e di altre sostanze o generano in modo diretto o indiretto episodi di violenza, gli studi di tipo cross sectional non posso produrre conclusioni riguardo causa ed effetto. Queste ricerche possono solo documentare che i fattori stressanti del lavoro sono o meno relazionati con l'alcol, l'abuso di droga e la violenza, ma non ci possono dare maggiori informazioni sul tipo della relazione e sul rapporto di interdipendenza reciproca.

Un altro tipo di ricerca è rappresentata dagli studi longitudinali, nei quali gli elementi stressanti stressors e i risultati sono misurati a due o più punti temporali di distanza.

Questo tipo di ricerca non è molto usato, perché e' difficile utilizzare le stesse misure sulle stesso campione in differenti epoche. In prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza i modelli, l'elemento di partenza è rappresentato dallo stress, o altrimenti chiamato tensione nervosa. L'uso di alcol, di droga, di psicofarmaci o gli episodi di violenza durante il lavoro originano da una condizione psico-ambientale che ha per comune denominatore una condizione di stress o una malattia mentale.

Queste sono le prime reazioni a un ambiente di lavoro ostile o a una condizione lavorativa vissuta con sofferenza dal lavoratore. I lavoratori cercano di rispondere adottando differenti reazioni, mediate dalle esperienze personali e dalle condizioni familiari. Ma la prima reazione umana consiste in una sofferenza mentale chiamata stress. I risultati delle ricerche hanno dimostrato che gli stessi modelli usati per la analisi delle condizioni lavorative stressanti sono utili per capire i collegamenti tra stress e gli effetti negativi del lavoro.

Sebbene ci siano molte variabili e limiti nell'usare i modelli sopra descritti, essi possono essere applicati a questo tipo di ricerca, in quanto hanno come punto di partenza lo stress o condizioni di stress e prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza mediano queste condizioni con l'ambiente di lavoro o le caratteristiche sociali dei lavoratori [xiv].

Si assiste cioè alla diffusione a macchia d'olio di un problema in un ambiente lavorativo ormai degradato, che ha per effetto l'aumento di un ulteriore stress e la maggior possibilità che a questo nuovo livello di stress, altri lavoratori, superata la soglia di tollerabilità cadano nella tendenza al bere se non adottano meccanismi di difesa [xv] figura n.

Possibile evoluzione del problema. Il lavoratore, considerato nella unita' produttiva ha cioè diritto a quel minimo di garanzie che vanno oltre le remunerazione e le libertà sindacali contenute nello Statuto dei lavoratori, ma necessita, quale essere umano, di un ambiente di lavoro, che, se non proprio fatto a suo stampo, perlomeno sia capace di preservarne la salute fisica e psichica.

Lo stress è l'elemento comune tra l'uso di alcol, droghe e violenza. La differenza in questo tipo di dipendenza abuso di droghe e alcol dipende anche dall'ambiente sociale e dal sistema legale in vigore nei diversi paesi, in quanto in prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza stati l'uso di prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza e' consentito, mentre e' vietato quello di droghe.

Sebbene sia molto difficile stabilire con precisione e accuratezza il tipo di relazione e il legame esistente tra questi fattori con sufficiente razionalità, nell'esame della letteratura in argomento si ricava che vi sono alcuni fattori di rischio endogeni. Essi sono rappresentati, per esempio, dalle condizioni di lavoro e attengono principalmente al fatto di lavorare a lungo da soli compiendo lavori molto monotoni, oppure lavori molto rischiosi e da una scarsa responsabilizzazione del proprio lavoro, dal quale non si e' affatto coinvolti.

Esemplari in tal caso sono le ricerche effettuate tra i conducenti di autobus, o di camion, o poliziotti prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza ma al riguardo meritano attenzione anche mestieri finora non considerati a rischio, ma che in alcuni paesi hanno dato risultati preoccupanti quali ad esempio l'insegnante, o le professioni sanitarie dentisti, medici ed infermieri [xix].

Logicamente vi sono anche fattori esogeni, dovuti cioè a comportamenti patologici del lavoratore che nulla hanno a che vedere con il tipo di attività esercitata, derivando essi da problemi familiari o di altro tipo, precedenti arresti, poca considerazione di sé, contatti con la delinquenza ma che, entrando comunque nel mondo del lavoro, contribuiscono a generare forme di stress e tensione tra i singoli lavoratori ed hanno effetti che a lungo termine sono capaci di avere influenze su altri colleghi di lavoro [xx].

Studi confermano che situazioni di stress rappresentano un antecedente a numerosi episodi di violenza. Tre processi inter relazionati soggiacciono alle aggressioni dovute all'alcol durante l'orario di lavoro: 1 la mancanza di regole di gruppo che possano guidare il singolo nel prevenire in modo autonomo e cosciente i comportamenti devianti self-regulation2 l'effetto dell'alienazione quale forza contraria agli effetti integrativi della coesione sociale al lavoro, 3 il fatto che spesso l'uso di bevande alcoliche è un comportamento usuale e prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza all'interno del gruppo di lavoro.

I singoli hanno maggiori probabilità di prevenzione di riassunti di alcolismo e di tossicodipendenza impatto con la violenza se essi sono frequentemente esposti a un ambiente di lavoro caratterizzato da una tollerabilità a certe forme di abuso di alcol e se nel loro ambiente lavorativo è presente notevole alienazione e poca integrazione nel loro work setting. Ci sono notevoli interrelazioni tra i fattori lavorativi e la tendenza al bere quali antecedenti ad episodi di violenza.

In numerosi studi sono dimostrati significanti collegamenti tra aspetti negativi interpersonali del lavoro e risultati deleteri dell'alcol richieste sessuali non desiderate, disagio, imbarazzo a causa di battute a sfondo sessuale [xxi]. Droga, alcol e comportamenti violenti sono collegati in modo particolare quando il soggetto manifesta una incapacità nel controllare i propri impulsi.